Home - Lo Studio - Contatti
     
Medicina naturale
Intolleranze Alimentari
Dolore
Cellulite
Panico
 
 
Diete ed alimentazione

Una buona dieta non è solo un metodo per dimagrire, ma anche e soprattutto un modo per avere e mantenere una buona salute. Quindi attenzione a ciò che mangiamo e sottoponiamoci ad un test di Intolleranze alimentari per favorire i nostri processi digestivi.

Quante volte avrete sentito dire che una persona non riesce a dimagrire per colpa del metabolismo? Ma cos'è il metabolismo?

Il metabolismo è l'insieme dei processi chimico-fisici che trasformano il cibo in energia, necessaria per il funzionamento dell'organismo.
E' il grande controllore del peso corporeo: se accelera si dimagrisce, se rallenta si ingrossa.
La ghiandola tiroide produce gli ormoni che regolano l'intensità del metabolismo,cioè il modo e la velocità con cui l'organismo utilizza le sostanze assunte per produrre energia. Per questo di fronte a ingiustificati e significativi cambiamenti di peso bisognerebbe controllarne la funzionalità con un semplice esame del sangue che si chiama dosaggio degli ormoni tiroidei.
Chi ha il metabolismo lento brucia zuccheri e grassi più lentamente del normale, ha quindi qualche chilo di troppo, una certa tendenza al gonfiore, tenderà ad avvertire sensazione di spossatezza nell'arco della giornata e presenta un ritmo cardiaco e respiratorio lento.
Il destino di questi ultimi è di combattere tutta la vita con "le diete dimagranti"
Ma molto spesso ridurre le calorie non serve allora si reagisce mangiando ancora meno ma anche questa soluzione oltre a non essere sana non è nemmeno efficace. Infatti quando il corpo umano riceve poco cibo reagisce come quello degli animali che vanno in letargo: rallenta i processi fisiologici e diminuisce i consumi calorici attraverso il rallentamento del metabolismo. Il che si verifica proprio quando si seguono diete drastiche, che forniscono soltanto 700-800 calorie al giorno e che finiscono per provocare un rallentamento metabolico anche del 20 per cento. Ecco perché eccessive restrizioni caloriche producono l'effetto opposto a quello che si vuole ottenere: si tende a ingrassare più facilmente.
Per favorire l'attività di un metabolismo rallentato bisogna introdurre nell'organismo i cibi che possono facilitare lo svolgimento di queste reazioni chimiche, evitando quelli che invece lo ostacolano.
Quindi prima di tutto bisogna capire attraverso un test quali per le Intolleranze alimentari quali sono i cibi poco graditi al nostro organismi ed ovviamente evitarli.
Come consigli generali possiamo dire:
SI a frutta e verdura che apportano una giusta quantità di sali minerali e vitamine che sono indispensabili per lo svolgimento dei processi metabolici.
NO ai grassi e agli zuccheri che richiedono una digestione più lunga e laboriosa e possono interferire con le attività metaboliche.
NO alle bevande alcoliche e alle bibite dolcificate, ricche di calorie, che per essere smaltite rallentano il metabolismo.
Ma questi sono solo consigli generici validi per tutti, in realtà una dieta deve essere più personalizzata possibile per essere veramente una dietoterapia. Solo la dieta per le Intolleranze ci permetterà di non affaticare l'organismo costringendo a tentare di digerire cibi che invece per lui sono poco digeribili.
In genere questa dieta è più qualitativa che quantitativa e perciò trova molto favore nelle persone che faticano a mantenere un regime di calorie molto basso.

Per ulteriori informazioni, clicca qui sotto